Form di ricerca

Huga Flame

Huga Flame

 

Dall'unione di Dydo (Mc), Livio (Mc e producer) e Dj Ronin ( Dj e beatmaker) nascono a Varese, nel 2002, gli Huga Flame

Amici da molto tempo e affascinati dalla cultura urban, specie dal rap, decidono di catapultarsi in questa avventura assieme facendosi immediatamente notare a livello nazionale vincendo il concorso Voci Domani nel 2002 con “Stupida sQuola”, brano irriverente e carico di ironia dal titolo molto eloquente.

Sempre nel 2002 esce il primo album targato Huga Flame dal titolo “Che Sfiga!”, lavoro autoprodotto composto da 20 tracce.

L'estate successiva partecipano all' i. Tim Tour vincendo la tappa catanese che permette al trio di accedere di diritto alle finali di Milano, in Piazza Duomo viene presentato il brano “Ce l'ho piccolo”, anch'esso, come il primo, molto ironico.

L'anno seguente, nel 2004, gli Huga Flame collaborano alla produzione della “BastardiDentro.com(pilation)” componendo “Bastardi Dentro” e accompagnando lo staff del sito nel tour promozionale estivo.

Nello stesso anno Dj Ronin partecipa alle finali italiane di DMC (Disco Mix Club, ndr) classificandosi al secondo posto, tale piazzamento gli permette di partecipare alle finali mondiali DMC Battle for World Supremacy 2004 a Londra.

Il 2005 segna una svolta radicale nella vita dei giovani artisti varesini, innanzitutto i produttori di “DEMO”, programma di Radio RaiUno,molto colpiti dai loro lavori invitano il gruppo varesino a partecipare al Demo Live – Fun in Palermo e qualche mese dopo esce “Notte&Giorno”, album composto da 2 CD da 16 brani l'uno (15 brani + una bonus track). Nello stesso anno, dopo aver partecipato al Meeting delle Etichette Indipendenti, entrano nella New Music International, etichetta discografica assieme alla quale daranno vita al loro album d'esordio discografico "Generazione fuori controllo”; ciò che rende questo lavoro davvero interessante ed innovativo è la facilità con cui il gruppo riesce a trattare argomenti ispirati alla quotidianità trattandoli sempre con molta umiltà e la solita verve ironica che li contraddistingue, la trattazione di tali argomenti porta l'ascoltatore ad immedesimarsi appieno nelle storie raccontate e ciò è la chiave del successo di questo album e della produzione del gruppo in generale.

 

E’ uno spaccato di vita reale figlio di una Generazione Fuori Controllo che ha un’evidente paura per tutto quello che succede oggi nel mondo. E’ anche la realtà di una gioventù che vive in una società in cui spesso non si è considerati persone, ma numeri, in cui sempre più ci si sente soli….” queste le parole che il trio usa per riassumere il proprio lavoro.

 

Dopo la deludente esperienza con le etichette (una major e due indipendenti) il gruppo sceglie di intraprendere di nuovo la via dell'autoproduzione. Da questa scelta artistica, che privilegia la massima libertà creativa in opposizione alle leggi di marketing, nasce il progetto "Facce da Huga" , album di 20 tracce che vede luce il 25 dicembre 2007 e viene messo a disposizione degli internauti in freedownload. Tale mossa si rivela vincente, tant'è che molti siti internet appoggiano la scelta artistica del gruppo e l'album diviene tra i più ascoltati della penisola suscitando l'interesse delle principali agenzie di stampa (Ansa, Il Messaggero, LaRepubblica, ecc...) che iniziano ad etichettare il gruppo con frasi del tipo “successo senza major” e “fenomeno del web”. Nello stesso anno, a maggio, esce il progetto “Colpi di Sonno” che vede la collaborazione di altri artisti dell'hinterland varesino come Shai, Mocce e Lana.

Tre anni dopo gli Huga Flame presentano il loro nuovo album “La città dei sogni perduti”, composta da 18 canzoni sempre autoprodotte e sempre caratterizzate dallo stile che da anni li contraddistingue. 

Nel 2012 viene pubblicato “Nuova Vita” assieme a tutta la Huga Family.

 

- Pubblicità -