Form di ricerca

E-Green

E-Green

La storia di Nicholas Fantini, meglio conosciuto come EGreen parte da lontano.

Nasce nel Giugno del 1984 a Bogotà da madre colombiana e padre italiano.

Il padre, per motivi di lavoro, é solito viaggiare per tutto il mondo, tanto che l'infanzia e l'adolescenza di Nicolas si sviluppano attraverso 3 continenti.

Si avvicina all'Hip Hop all'età di 8/9 anni a Detroit (Michigan). Durante le partite dei Pistons (squadra di NBA),nell'intervallo di metà partita venivano passati alcuni classici come "Whoomp there it is" dei Tag Team su cui Nicolas focalizzò la sua attenzione.

Trasferitosi a Ginevra frequenta una scuola internazionale e grazie ad alcuni compagni entra in contatto con i grandi classici americani e con il rap transalpino.

Tramite questa esperienza viene letteralmente rapito dal movimento e trasferitosi successivamente a Busto Arsizio (Varese) scopre la scena italiana e i suoi pionieri, immergendosi completamente nello studio di questa cultura.

Ha 16/17 anni quando inizia a salire sui primi palchi, accompagnando altri artisti e facendo da apertura per le serate.

In seguito partecipa assiduamente all'organizzazione di eventi e jam sparse per la provincia, affinando le sue tecniche e cimentandosi nel freestyle.

Con Dj Sen e Toni Alti fonda un collettivo che darà il titolo al suo primo demo, "So Fresh", nel 2002.

Negli anni seguenti contribuisce allo sviluppo di un movimento reso poi solidissimo a Varese con appuntamenti fissi quali ad esempio "Il treno di mezzanotte", in parallelo a quel che stava accadendo nella scena milanese con lo "Show Off".

Nel 2009 esce il suo primo progetto solista, "I spit vol. 0", un mixtape che introduce di prepotenza la figura di Green per la sua energica attitudine underground.

Il successo di questo primo progetto viene bissato l'anno seguente con il secondo capitolo della saga, "I spit vol. 1" e con l'uscita del suo primo ep "Frustated Unrealesed Rap Shit", su strumentali di J Dilla.

Oltre all'appoggio di Dj Sen in queste prime fasi é fondamentale la presenza di un altro dei suoi soci storici, ovvero Dj Yodha, soprattutto per quanto concerne la saga di "I Spit".

Proprio con Dj Yodha, sempre nel 2010, realizza un EP di 6 tracce, "Byters", su strumentali electro/french touch.

Nel 2011 il suo secondo ep, "Entropia", un progetto di 9 tracce caratterizzato da featuring importanti quali ad esempio Mistaman, Johnny Marsiglia e Pula+ (su produzioni di Pisani Cartella, Michel, Retraz, Toro, Gerruzz, Shaki e Gccio).

"Entropia" segna per Green un importante punto di svolta, scandito da prestazioni live mostruose con le quali il rapper di Busto dimostra di essere in grado di tenere da solo il palco sfoggiando quasi sempre il suo intero repertorio di canzoni.

In questi mesi si guadagna la possibilità di confrontarsi con artisti di fama nazionale ed internazionale, partecipando al disco di Don Joe e Dj Shablo "Thori e Rocce" nella traccia "Sopranos" con Bassi Maestro, e aprendo i concerti degli M.O.P, The Beatnuts e di Slaine.

Nel 2012 arriva la firma con l'etichetta indipendente "Unlimited Struggle", con la quale darà alla luce lo stesso anno l'EP "Bricks & Hammers" (ispirato all'album "Cats & Dogs" di Evidence) ma soprattutto, nel Maggio 2013, il tanto atteso disco ufficiale.

"Il cuore e la fame" é un disco a cui EGreen ha lavorato per più di due anni, mettendo insieme tutti i pezzi della sua esistenza, sia a livello umano che musicale. Il disco infatti é composto per una buona fetta da tracce autobiografiche, dove Nicholas mette a nudo esperienze e momenti fondamentali della sua vita.

Tante le collaborazioni, al microfono (Bassi maestro, Mistaman, Johnny Marsiglia, Ghemon, Ensi, Primo, Jack The Smoker) e con le produzioni (Dj Shocca, Retraz, Tyre, Zonta, Big Joe, Kennedy, Squarta e Fidmella).

Il 7 ottobre 2014 vede luce l'Ep "Entropia 2": primo progetto autoprodotto dopo l'uscita da Unlimited Struggle. L'Ep è composto da 7 tracce prodotte da LVNAR, IAMSEIFE e HLMNSR, l'unico featuring lo si trova nel pezzo "Qualcosa di Strano" in cui figurano i membri della "Voodoo Cod" Vacca, Jamil e Malanova.

- Pubblicità -