Form di ricerca

Duein

Duein

Marco Cicchillo nasce ad Avellino e si trasferisce a Varese all'età di 6 anni, nel Luinese.

E' a Voldomino, quartiere periferico a pochi passi dal lago, che Marco entra in contatto con l'Hip Hop. Tutto ha inizio nel garage di Jeff, un amico vicino di casa, con il quale inizia ad ascoltare gruppi tra cui i De La Soul, EPMD, Das EFX, A Tribe Called Quest e i Public Enemy.

E' proprio da questi ultimi che il giovane ragazzo viene come ipnotizzato da un movimento che proprio in quel periodo diede alla luce dischi pazzeschi.

Sono i primi anni '90 e Marco ha la possibilità di frequentare "La Sede", quartier generale degli OTR. Conosce Esa, respira l'Hip Hop genuino e viene rapito a tal punto da trasferirsi con degli amici a Milano, in via Mac Mahon, dove nasce la figura di Duein.

E' il 2001 quando Inizia a partecipare alle jam, a vivere l'hip hop sette giorni su sette a settimana, sfruttando tutto quello che Milano aveva da offrire in quegli anni d'oro a questa cultura.

Duein si fa conoscere per le sue doti in freestyle partecipando all'appuntamento settimanale di Bassi Maestro e Rido, ovvero "The Show Off".

L'anno seguente, proprio grazie alle serate milanesi, entra in contatto con Snake e Blodi, esponenti del gruppo PlotonEsecutivo, attivo sul finire degli anni '90 e che in concomitanza all'imminente ingresso di Duein cambierà nome in "Banhana Sapiens".

Inizia così per Duein un biennio molto produttivo che lo porterà a farsi conoscere da un'ampia fetta della scena milanese, suonando nei locali con il suo nuovo gruppo e forte anche dell'amicizia con Jack The Smoker ed Asher Kuno, attivissimi in quel periodo.

Il 2004 è l'anno di "Chico de la Sanga EP", unico progetto solista di Duein, interamente registrato presso "La Fortezza Delle Scienze", lo studio di registrazione di Bassi Maestro.

Composto da sette tracce (comprensive di tre featuring con Bat, Blumi e Spregiudicati) è un prodotto dal sapore underground che ripercorre vicissitudini personali accompagnate da rime taglienti. Traspare chiaramente l'amore e il rispetto che l'artista nutre nei confronti dell'Hip Hop, il mezzo con il quale Duein rivendica il suo spazio con la speranza che la magia che questa musica è in grado di generare non svanisca e non venga plagiata nel corso del tempo.

Terminata l'esperienza milanese Duein si trasferisce nuovamente a Varese, dove tutt'ora collabora con i principali esponenti della zona.

- Pubblicità -